Beata Lampone artico Rubus x stellarcticus

16,00 

IMBALLAGGIO CURATO, SPEDIZIONE IMMEDIATA E PAGAMENTI SICURI

Scopri le nostre spedizioni

Beata Lampone artico Rubus x stellarcticus

cod.00013

Lampone artico ‘Beata’ Rubus x stellarcticus
Nome comune finlandese: jalomaarain
Altezza: 20/30 cm
Larghezza: 80/100 cm
Fogliame: erbaceo, verde che si colora di rosso in autunno e scompare in inverno
Fiori: apicali rosa, rosa/porpora in maggio
Frutti: medio/piccoli (Ø 1 cm), rossi, aciduli ma con buon sapore fresco, produzione media, conservabilità breve
Maturazione: fine giugno/luglio
Caratteristiche pianta alla spedizione:
Dimensioni: vaso Ø 16 cm, 3 litri
Aspetto: ↨ 0/20 cm a seconda del periodo

5 disponibili

Classificazione scientifica alquanto complessa a seconda degli autori appartiene a: Rubus arcticus, Rubus x arcticus, Rubus x stellarcticus, Rubus arcticus ssp. stellarcticus, le varie classificazioni divergono probabilmente a causa delle varie popolazioni usate per selezionare le singole varietà essendo una specie diffusa su tre continenti Nord Europa, Nord Asia e Nord America
Il lampone artico ‘Beata’ è una varietà selezionata in Finlandia. Pianta erbacea eretta non spinosa, tappezzante con stoloni sotterranei, può allargarsi fino a un metro e raggiungere un’altezza di 30 centimetri, nell’inverno la parte erbacea muore e rivegeta a primavera con nuovi getti che partono direttamente dai fusti sotterranei. Si consiglia una densità di impianto di 2 o 3 piante al m² per ricoprire velocemente il terreno e impedire la crescita delle erbacce, se piantata più rada impiega un paio di anni a ricoprire l’intera superficie del terreno. Si può coltivare nello stesso posto 6/8 anni quindi consigliabile rinnovare le piante spostandole in altra parte del giardino altrimenti la produzione diminuisce sensibilmente.
Pianta estremamente resistente al freddo, può sopportare temperature di -20/25°C.
Terreno: comune da giardino, non troppo sciolto, con PH compreso fra 3,5 e 6,5 non troppo ricco di sostanza organica, fresco ma ben drenato (soffre per i ristagni d’acqua). Esposizione in pieno sole dove vengono esaltate le caratteristiche organolettiche dei frutti anche se, a livello amatoriale, da buoni risultati anche in posizioni a mezz’ombra anche se i frutti in tal caso rimangono più aciduli.
Fioritura abbondante in maggio sugli apici dei getti con fiori rosa, rosa/porpora che risaltano bene sulla vegetazione; per produrre frutti necessità dell’impollinazione incrociata con un’altra varietà (Tarja o Marika).
La fruttificazione avviene a fine giugno/luglio, talvolta proseguendo anche oltre, in buona esposizione può arrivare anche 1,5/2 kg al m². Frutti dal sapore dolce acidulo, rinfrescanti, adatti al consumo diretto o ad essere trasformati in composte o succhi
Pianta sana e robusta che non richiede particolari cure se non di fornire l’irrigazione di cui ha bisogno evitando i ristagni d’acqua, concimare con parsimonia in quanto ama poco grandi apporti di sali minerali o di sostanza organica.

Titolo

Torna in cima